Menu
contemporary2015

Percorsi in Barriera per Contemporary Art

Dalle pareti di un museo alle facciate dei palazzi, dalle gallerie alle piazze e dagli spazi espositivi ai parchi urbani cittadini. È così che l’arte esce dai luoghi canonici e conquista gli spazi pubblici del nostro quartiere e che oggi acquista un significato diverso e profondo. È, infatti, proprio nell’ambito degli attuali processi di rigenerazione urbana che l’arte diventa un importante strumento di trasformazione, ma anche un vero e proprio veicolo di narrazione e identità di un territorio e delle sue caratteristiche.
Il Programma Urban ne ha fatto il suo fiore all’occhiello; basti pensare al bando B.ART e alla sua formula innovativa che ha fatto il giro del mondo, oltre alla volontà di valorizzare il lavoro degli artisti che hanno scelto Barriera di Milano per dar voce alla loro creatività. Un insieme di progetti che si inserisce all’interno di un ricco bacino di esperienze artistiche già consolidato e che si va affermando sul territorio.

Per conoscere le opere e i luoghi che compongono questo variegato mosaico, il Comitato Urban Barriera di Milano, in occasione della settimana torinese dell’arte contemporanea, propone tre importanti appuntamenti: due tour in bicicletta che attraverseranno il quartiere da est a ovest alla scoperta dell’arte pubblica in Barriera e una visita guidata negli spazi della storica scuola Gabelli, dove dieci artisti hanno realizzato altrettante opere donandole agli studenti.

Si parte mercoledì 4 novembre dalle 16.30 alle 18.30 con “La scuola adotta un*artista”, il progetto grazie al quale dieci artisti operanti in Barriera hanno dato vita a una collezione permanente di arte contemporanea all’interno delle aule scolastiche di via Santhià 25. Per ammirarla è in programma una visita guidata tra gli spazi della scuola primaria “Aristide Gabelli” in compagnia di speciali ciceroni. Saranno infatti proprio gli studenti che, dopo un percorso a tu per tu con gli artisti, narreranno ai partecipanti la storia e il significato delle opere.
La partecipazione è libera e gratuita.

Si prosegue venerdì 6 novembre dalle 15.00 alle 17.00 con un piccolo viaggio in bicicletta alla scoperta di alcune opere realizzate da Millo, il vincitore del bando B.ART, fino ai murales degli studenti del Liceo Einstein e del writer torinese Karim Sherif, risultato finale di un progetto partecipato sui temi della legalità e dell’integrazione. Un percorso a tappe, grazie al quale sarà possibile conoscere anche le installazione artistiche di Alessandro Bulgini e Laura Pugno in piazza Foroni e scoprire i luoghi votati all’arte contemporanea come la sede dell’Associazione Barriera in via Crescentino 25. Il tour si concluderà al Bunker, l’ex Sicma di via Paganini 0/200, che in questi anni ha prestato le sue pareti all’estro e ai linguaggi di artisti provenienti da tutto il mondo.

Sabato 7 novembre dalle 11.00 alle 13.00 si continua con la seconda esplorazione artistica su due ruote per scoprire la zona ovest di Barriera: una passeggiata tra gli isolati del parco urbano post-industriale Aurelio Peccei, inaugurato lo scorso 31 maggio, per ammirare le dieci opere della “Promenade dell’arte e della Cultura industriale”, disegnate dagli studenti delle Accademie di Belle Arti di tutta Italia. Si proseguirà poi lungo via Cigna fino alla Cascina Marchesa alla scoperta dei dettagli e delle curiosità sui murales realizzati nel 2010 per il festival torinese Picturin, ma non solo! Oltre alle opere di Millo il percorso si snoderà tra le gallerie e gli atelier che negli ultimi anni hanno trovato dimora in Barriera di Milano, contribuendo a valorizzare la sua trasformazione e a diffondere i linguaggi artistici più diversi. La tappa finale sarà ai Bagni Pubblici in via Agliè 9, dove è previsto un open day organizzato in occasione della fine dei lavori di ristrutturazione della Casa del quartiere di Barriera di Milano.

I posti a disposizione per entrambi i tour sono 25.
La partecipazione è gratuita previa prenotazione entro giovedì 5 novembre scrivendo all’indirizzo comunicazione.urbanbarriera@gmail.com indicando nome, un contatto e-mail e un numero di telefono.

27 Oct 2015